We can feel helpless and hopeless when we experience chronic abuse or repeated obstacles. You may feel stuck in poverty or an unhappy relationship. You might or be dealing with your own or someone else’s dependence that feels helpless to change. You may be experiencing a painful health condition or replicated school, connection, or work failures.

Tenere in

It’s easy to feel when you think there is no exit from persistent pain and unhappiness. Frequently, there are alternatives and measures we can take to change our situation and relieve pain, but using a hopeless outlook and”learned helplessness,” we do not seek or accept help and can sink into melancholy. Learned helplessness was a term coined by Martin Seligman from the 60s to describe a mindset in which you don’t attempt to escape a negative situation because previously you heard that you’re helpless.

Nell'esperimento di Seligman, suonò una campana e poi diede un leggero shock a un cane per dichiarare che si aspettavano uno shock dopo aver sentito la campana. Scoprì che dopo un po' di tempo, quando sentiva la campana, i cani rispondevano con paura come se fossero stati scioccati, anche se non lo erano stati. Il comportamento umano è simile. Per esempio, se vi hanno mentito o tradito, diventate diffidenti. Potreste immaginare di essere stati ingannati in una nuova relazione quando non è così.

Prendere in considerazione

Potresti poi reagire alle tue idee, arrabbiarti e accusare falsamente il tuo nuovo partner o forse rompere. Pensiamo a questo come proiezione della nostra esperienza precedente sugli altri e sulle condizioni attuali. Seligman andò oltre e mise questi cani in una gabbia divisa in modo che lo shock colpisse solo un lato. I cani potevano facilmente scavalcare una recinzione dall'altra parte ed evitare le scosse. Tuttavia, i cani non lo fecero! Invece, si sono arresi e si sono abbattuti. Ha poi scioccato diversi cani in una gabbia divisa che non erano stati precedentemente condizionati con tutti gli shock e la campana.

Questi cani saltarono immediatamente dall'altra parte del recinto per evitare lo shock. Questo dimostrò che la coppia di cani condizionata aveva imparato ad essere indifesa. Un altro esempio di questo è la pratica di incatenare i giovani elefanti in un palo. Da adulti, non scappano quando le catene vengono eliminate. Il modo in cui interpretiamo gli eventi è importante. Le persone attribuiscono la causalità a elementi esterni e interni. La ricerca mostra che le persone che fanno sempre attribuzioni interne internazionali agli eventi avversi, cioè che incolpano se stessi indipendentemente dalla situazione, sviluppano l'impotenza appresa. Quando credono di essere sempre il problema, non hanno la motivazione per migliorare, riprovare o provare cose nuove.

This negative self-talk reflects internalized shame and perpetuates it. They discovered that we perform better by simply thinking we have control over damaging stimuli, even if we do not exercise it. Power imbalances typify abusive relationships. Abusers seek power and blame their on other folks. They undermine their spouses’ self-esteem with psychological abuse, like belittling, withholding, and covert manipulation. When confronted, they frequently escalate or endanger greater abuse or become violent.

Autostima

L'indebolimento dell'autostima e l'abuso persistente creano un'impotenza appresa in chi ne soffre, che col tempo adatta l'abusatore con l'evitamento e la conformità per minimizzare l'abuso e sentirsi protetto. Quando all'inizio possono arrabbiarsi e protestare, alla fine si rendono conto che questa strategia è di solito controproducente. Intorpidiscono i loro sentimenti, diventano stressati e/o depressi, e potrebbero sviluppare sintomi fisici. Come la vergogna e crescono, non pensano di potersene andare e diventano un guscio del loro vecchio sé. Questa routine è esacerbata da un rinforzo occasionale in cui l'alloggio diventa un modello comportamentale di dipendenza.

Molti codipendenti sviluppano l'impotenza appresa nell'infanzia. Da bambini piccoli siamo effettivamente determinati dai nostri genitori per la sopravvivenza, non solo fisicamente, ma anche emotivamente. Impariamo immediatamente strategie per rimanere al sicuro e minimizzare il dispiacere dei nostri genitori. Quando un genitore è negligente, emotivamente assente, critico, controllante o abusivo, non solo ci sentiamo insicuri e creiamo sentimenti di inadeguatezza e vergogna, ma ci sentiamo impotenti ad essere ascoltati e ad avere un impatto. Una madre o un padre narcisista, alcuni altri genitori malati di mente o adolescenti respingono, svergognano o trattengono i loro figli, inviando il messaggio che i loro sentimenti, bisogni e desideri sono insignificanti.

La rabbia, l'angoscia o la dimostrazione dei bambini potrebbe anche essere svergognata o punita. Si sentono impotenti, interiorizzano la loro pietà e la loro rabbia, e spesso si rivolgono a droghe o comportamenti di dipendenza. Alcuni bambini si ribellano, ma questo può portare a ulteriori misure repressive. Sviluppano impotenza appresa e attribuzioni interne negative che li seguono nell'età adulta. A volte, sperimentano la libertà nella tarda adolescenza e nella prima età adulta, ma possono sposare qualcuno che riproduce il loro doloroso gioco familiare.

Nota finale

In breve tempo, la loro impotenza appresa ritorna. Questo può accadere anche quando un fratello più potente abusa o prende in giro uno più povero. Ricordo che mio fratello maggiore mi faceva il solletico fino a quando non ero senza fiato e in lacrime. Questo stabilì la convinzione che ero impotente e non reagii quando potevo. L'impotenza appresa produce un ciclo di feedback negativo auto-rinforzante che potrebbe danneggiare la nostra salute, la soddisfazione sul lavoro e le nostre relazioni. Può causare abitudini malsane in cui non riusciamo a nutrirci e a fare regolare esercizio fisico. Potremmo non trovare le cure mediche e dentistiche adeguate, ottenere aiuto per la dipendenza o gestire le nostre finanze.

L'impotenza appresa può colpire le persone bloccate nella povertà o che sperimentano un pregiudizio incessante. Le convinzioni possono essere trasmesse attraverso le generazioni, creando un ciclo di passività e povertà. Gli studenti che non vanno bene al college attribuiscono il fallimento alla loro inadeguatezza. Il loro ottimismo e la loro autostima ne risentono. Non pensano di poter fare meglio e sperano di fallire. Smettono di provare e spesso abbandonano. Allo stesso modo l'impotenza appresa e la relativa vergogna ci impediscono di progredire professionalmente e di aumentare il nostro potenziale di guadagno. Si traduce in e cattiva salute. In realtà, la ricerca indica che una visione pessimista può influenzare negativamente l'infiammazione, il nostro sistema immunitario e il rischio .

La cosa fantastica è che questa condizione non è una condanna a vita. La bassa autostima è appresa e lo stesso vale per l'autostima sana. Il nostro cervello è malleabile, ma richiede un trattamento per combattere le attribuzioni interne negative e le distorsioni cognitive. Il cambiamento richiede un trattamento che affronti il nostro pensiero e le nostre credenze. Il trattamento cognitivo-comportamentale ha successo nel superare la vergogna e nel cambiare la nostra mente e i nostri atteggiamenti. Un terapeuta ci sostiene anche nel rischiare nuove attività che cambiano i nostri preconcetti negativi. Man mano che la nostra autostima e fiducia aumentano, diventiamo autonomi - autostima in azioni. Pent-up è scatenato. Creiamo un ciclo di feedback positivo, in cui anticipiamo i risultati positivi e li sperimentiamo. Quando non lo facciamo, ci asteniamo dal vergognarci di noi stessi. Crediamo di fare attribuzioni esterne e cambiare ciò che possiamo.